Passa ai contenuti principali

Comune di Genova: concorso per 49 Agenti di Polizia Locale, categoria C - Scade il 9 Gennaio 2023

Concorso pubblico per esami per l’assunzione a tempo pieno ed indeterminato di n. 49 Agenti di Polizia Locale - Municipale - categoria C.

Scadenza il 9 Gennaio 2023.

Requisiti principali:

  • Età superiore a 18 anni (no limite massimo di età);
  • Diploma di maturità.

PROVE DEL CONCORSO

Preselezione:

Questionario a risposta multipla avente ad oggetto le materie indicate come
da programma delle prove scritte ed orali e in test di tipo psico-attitudinale (linguistici,
matematico-aritmetici, deduttivi). La prova preselettiva potrà anche svolgersi in modalità
telematica, secondo le indicazioni che verranno rese pubbliche dalla Civica
Amministrazione sul sito internet dell’Ente.
Passano i primi 350 classificati.

Prova di efficienza fisica:
Uomini:
Corsa 1000 m: Tempo max 4’25” 
Salto in alto 0,90 m - Max 3 tentativi
Piegamenti sulle braccia: n.15
Donne:
Corsa 1000 m: Tempo max 5’25”
Salto in alto 0,70 m - Max 3 tentativi
continuativi
Piegamenti sulle braccia: n.7

Prova scritta:
La prova scritta sarà volta ad accertare il possesso delle competenze proprie della professionalità ricercata e sarà costituita da quesiti a risposta multipla con risposte già predefinite sulle seguenti materie:
• Codice della Strada (D.Lgs. n. 285/1992) e relativo regolamento di esecuzione ed attuazione (D.P.R. n. 495/1992) e le altre norme sulla circolazione stradale;
• Depenalizzazione e sistema sanzionatorio amministrativo (Legge n. 689/81);
• Nozioni sul Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza e relativo regolamento d’esecuzione;
• Elementi normativi, con particolare riferimento alla polizia amministrativa e alla polizia giudiziaria in materia di edilizia, commercio e ambiente;
• Nozioni circa la legislazione vigente in materia stupefacenti (nozione di stupefacente e artt. 73,74,75,76,77,78,79,80,81,82,83,84 e 103 del DPR 309/1990) e immigrazione (artt. 4,5,6,7,10,10 bis, 12, 13, 14, 22, 24, 44 del D.Lgs. 286/1998 e artt. 20,21, D.Lgs. 30/2007);
• Legge quadro sull’ordinamento della Polizia Municipale (Legge n.65/1986) e disciplina della Polizia Locale (Legge Regione Liguria n. 31/2008);
• Elementi di Diritto Penale, con particolare riferimento alla parte generale del Codice Penale, reati contro la Pubblica Amministrazione, la persona e il patrimonio;
• Elementi di Procedura Penale (con particolare riferimento all’attività della Polizia Giudiziaria);
• Ordinamento degli Enti Locali (D.Lgs. 267/2000 s.m.i.), con particolare riferimento al Titolo I, Titolo II, capo I, Titolo III, capo I e Titolo IV, capo I;
• Nozioni in materia di procedimento amministrativo: semplificazione, accesso (Legge 241/1990 s.m.i.; D.P.R. 445/2000);
• Nozioni in materia di protezione dei dati personali (D.Lgs. 196/2003 e Regolamento UE n. 679/2016 c.d. GDPR);
• Elementi sul rapporto di lavoro alle dipendenze delle Pubbliche Amministrazioni (D.Lgs. 165/2001 e s.m.i.);
• Normativa in materia di sicurezza dei lavoratori sul luogo di lavoro (D.Lgs. 81/2008, successivamente modificato dal D.Lgs. 106/2009);
• Regolamento “Norme per la civile convivenza in città. Regolamento di Polizia Urbana” della Città di Genova;
• Codice di comportamento dei dipendenti pubblici

Prova orale
La prova orale verterà sugli argomenti della prova scritta.
Nel corso della eventuale prova orale verrà altresì accertata la conoscenza della lingua inglese e potranno essere valutate le attitudini nonché le competenze concettuali e metodologiche dei candidati rispetto al ruolo da parte di un esperto in psicologia del lavoro.
È altresì previsto, in sede di prova orale, l’accertamento della conoscenza dell’uso delle seguenti applicazioni informatiche: pacchetto Microsoft Office (Word, Excel); gestione posta elettronica e internet; capacità di utilizzo sistemi operativi, come Microsoft Windows.
Fare sempre riferimento al bando ufficiale istituzionale.

Manuale consigliato per questo concorso:

KIT COMPLETO CONCORSI 76 POSTI POLIZIA LOCALE COMUNE DI GENOVA - Edises


















Commenti

Post popolari in questo blog

Sei idoneo in una graduatoria di Polizia locale? Cosa sono le manifestazioni di interesse e come funzionano

Da qualche anno sui siti dei comuni appaiono avvisi di manifestazione di interesse per assunzioni a tempo indeterminato o determinato di agenti e/o ufficiali di polizia locale. In questo articolo, spiegheremo in che modo funziona la procedura e chi può beneficiare di questa modalità di ingresso nella pubblica amministrazione, più nello specifico nella polizia locale.  La scarsità di personale nei corpi e servizi di polizia locale è un fatto noto ma la pandemia in corso, ha improntato un'accelerata sul fronte delle assunzioni.  La grave situazione epidemiologica ha imposto ai comuni di espletare i concorsi rispettando tutte le norme di sicurezza anticontagio covid-19, con aggravio di costi dovuti all'organizzazione di tali procedure concorsuali. In molti casi inoltre, le tempistiche di assunzione si sono allungate e, l'incertezza di una normativa che viene modificata di continuo, ha orientato gli enti locali a percorrere strade più veloci per soddisfare il fabbisogno di per

ARRESTO E ATTI DA REDIGERE

L’arresto è una misura pre-cautelare adottata dalla polizia giudiziaria per alcuni reati ed in presenza di alcuni presupposti che in questo articolo analizzeremo. Perché interessa la polizia locale? Il personale di polizia locale è composto da agenti ed ufficiali di polizia giudiziaria in funzione dell’art. 55 del c.p.p. e della Legge quadro sull’ordinamento di polizia locale (L. 65/86). Agenti ed ufficiali di polizia locale, in presenza delle circostanze che di seguito analizzeremo, devono procedere all’arresto. Nei concorsi inoltre, soprattutto nella prova pratica, spesso si richiede di descrivere cosa sia l'arresto. E' possibile inoltre, che nella medesima prova, possano essere richiesti di elencare gli atti e gli adempimenti relativi ad un arresto. Pensiamo ad esempio, al reato di omicidio stradale commesso da soggetto in stato di ebbrezza alcolica, con tasso alcolemico superiore a 1,5 g/l che prevede l'arresto obbligatorio. Questa lezione di polizia giudiziaria giudizi

Come scrivere la prova pratica?

La prova pratica rappresenta la barriera più difficile da superare ed è, dal punto di vista della sua redazione, molto diversa dalle altre prove d’esame. Vediamo il perché. LE PRESELEZIONI E LE DOMANDE “APERTE” La prova preselettiva consiste generalmente nella somministrazione di quiz a risposta multipla sulle materie oggetto d’esame, elencate nel bando di concorso. Nella stessa preselezione, oppure nella prima prova scritta, è frequente trovare domande a riposta “aperta” come questa: “ Il candidato descriva la differenza tra sequestro e fermo nel codice della strada”.  Con una buona preparazione è possibile rispondere in modo esauriente al quesito, poiché si tratta di nozioni teoriche descritte in questo caso, negli articoli 213 e 214 del codice della strada. LA PROVA PRATICA La difficoltà come abbiamo accennato è data dalla cosiddetta prova pratica. In questa tipologia di prova viene generalmente prospettato un caso pratico da risolvere, è richiesto di “calarsi”, per così dire, nelle