Passa ai contenuti principali

LA RESPONSABILITA’ DISCIPLINARE DELL’AGENTE DI POLIZIA LOCALE

Partendo dal dato costituzionale, l’art. 28 recita: I funzionari e i dipendenti dello Stato e degli enti pubblici sono direttamente responsabili, secondo le leggi penali, civili e amministrative, degli atti compiuti in violazione di diritti. In tali casi la responsabilità civile si estende allo Stato e agli enti pubblici”.

Se ne deduce che la responsabilità in capo al pubblico dipendente che viola i propri doveri è di tipo penale, civile ed amministrativo.

L’agente di polizia locale è un dipendente comunale, in funzione di un rapporto di lavoro con la pubblica amministrazione.

Nell’ambito del rapporto di lavoro tra P.A. e pubblico dipendente, lo stesso può incorrere anche in responsabilità disciplinare.

La responsabilità disciplinare è quella specifica forma di responsabilità (aggiuntiva rispetto a quella penale, civile, amministrativa e contabile) in cui incorre il dipendente pubblico che con dolo o colpa non osservi obblighi contrattualmente assunti, fissati nel CCNL e recepiti nel contratto di lavoro individuale.


L’accertamento di tale responsabilità implica l’applicazione, da parte del datore di lavoro, di sanzioni che a seconda della gravità del fatto accertato sono progressive, nell’ordine del: 

  • richiamo (verbale e scritto); 

  • multa; 

  • sospensione dal servizio e dalla retribuzione; 

  • licenziamento con o senza preavviso.


IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

La contestazione dell’addebito al dipendente è regolamentata dal D.Lgs 165/2001.

I soggetti titolari del potere disciplinare sono:

  • per il rimprovero verbale: il responsabile della struttura presso cui il dipendente presta servizio;

  • per le restanti infrazioni: la competenza è dell’Ufficio per i Procedimenti Disciplinari (U.P.D.).

Il dipendente è passibile di sanzione disciplinare sia per violazione dolosa che colposa dei propri doveri.

Il procedimento disciplinare è regolato dall’art. 55-bis e ss. del D.lgs 165/2001.

Il responsabile della struttura che ha conoscenza del fatto segnala immediatamente e comunque entro 10 giorni, all’UPD i fatti ritenuti di rilevanza disciplinare.

L’UPD provvede entro 30 giorni alla contestazione scritta dell’addebito procedendo alla convocazione dell'interessato per l’audizione in contraddittorio a sua difesa.

Il dipendente può farsi assistere da un procuratore o da un rappresentante sindacale.

L’UPD deve concludere il procedimento entro 120 giorni dalla contestazione dell’addebito con l’irrogazione della sanzione disciplinare oppure con una archiviazione.

La sanzione è impugnabile in sede giurisdizionale o arbitrale secondo il codice di procedura civile.




Commenti

Post popolari in questo blog

Polizia locale: te la dò io la riforma - L'intervento (testo integrale) del Vicedirettore generale della Pubblica Sicurezza

L’audizione del 4 marzo 2021: ​Audizioni sulle politiche integrate per la sicurezza e di polizia locale. La Commissione Affari costituzionali, nell’ambito dell’esame delle proposte di legge recanti disposizioni per il coordinamento in materia di politiche integrate per la sicurezza e di polizia locale, ha svolto l’audizione, in videoconferenza, della prefetta Maria Teresa Sempreviva, Vicedirettore generale della Pubblica Sicurezza preposta all'attività di coordinamento e pianificazione delle Forze di Polizia in rappresentanza del Dipartimento della pubblica sicurezza del Ministero dell’interno. Testo integrale Da tempo infatti la legge 7 marzo dell'86 numero 65 recante legge quadro sull'ordinamento della Polizia Municipale è interessata da proposte di riforma tese a rivedere in modo organico le competenze, le funzioni, i ruoli e le qualifiche del personale della polizia locale nonché il trattamento economico e previdenziale relativo allo stato giuridico. Ciò posto, nell'

500 Agenti Polizia Locale Roma Capitale: riapertura dei termini del bando di concorso

Sono stati riaperti i termini del bando di concorso per 500 posti di Agente di Polizia Locale di Roma Capitale . La domanda di ammissione al concorso deve essere presentata esclusivamente per via telematica, attraverso il Sistema pubblico di identità digitale (SPID), compilando l’apposito modulo elettronico sul sistema “Step-One 2019”, raggiungibile sulla rete internet all’indirizzo “https//ripam.cloud”, previa registrazione del candidato sullo stesso sistema. Per la partecipazione al concorso il candidato deve essere in possesso di un indirizzo di posta elettronica certificata (PEC) a lui intestato. La registrazione, la compilazione e l’invio on line della domanda devono essere completati entro il trentesimo giorno, decorrente dal giorno successivo a quello di pubblicazione del presente avviso nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana, IV Serie Speciale “Concorsi ed Esami”. Saranno accettate esclusivamente le domande inviate entro e non oltre le ore 18,00 del 24 maggio 2021 ,

Concorsi pubblici: si cambia tutto. Le nuove regole del D.L. 44/2021

Il popolo dei concorsisti italiani si è già diviso leggendo le nuove disposizioni in materia di concorsi pubblici. Le disposizioni si applicano anche ai concorsi di polizia locale. Parliamo del D.L. 1 aprile 2021 n. 44  - Misure urgenti per il contenimento dell'epidemia da COVID-19, in materia di vaccinazioni anti SARS-CoV-2, di giustizia e di concorsi pubblici - pubblicato in Gazzetta Ufficiale ed entrato in vigore oggi. Il decreto contiene importanti novità per quanto riguarda l’organizzazione e lo svolgimento dei concorsi pubblici. L’art. 10 titolato “Misure per lo svolgimento delle procedure per i concorsi pubblici”, punta a ridurre i tempi di reclutamento del personale delle amministrazioni pubbliche (amministrazioni dello Stato ad ordinamento autonomo, Regioni, Province, Comuni) introducendo procedure semplificate di svolgimento delle prove .  Per il personale non dirigenziale le prove concorsuali consisteranno in una prova scritta e una prova orale. Viene previsto, da parte