Passa ai contenuti principali

Esempio di un caso pratico: traccia e svolgimento

 IL CASO


Effettuate un’ispezione in un esercizio di somministrazione alimenti e bevande aperto al pubblico ed accertate che:

● è in corso un intrattenimento musicale al quale assistono 80 persone sedute a tavolino, intente a consumare, le quali non hanno pagato il biglietto di ingresso;

● il locale non è stato trasformato in una sala di intrattenimento;

● per l’intrattenimento non è stata rilasciata alcuna autorizzazione;

● per le bevande somministrate non risulta esposta la tabella dei prezzi;

● non è pubblicizzato l’orario di apertura prescelto.

Esponete sinteticamente la procedura e redigete gli atti relativi.

________________________________________________________________



SVOLGIMENTO


La somministrazione alimenti e bevande è normata dalla legge n. 287/1991 che distingue le varie tipologie di esercizi sottoposti a regime di autorizzazione. (oggi SCIA, salvo alcuni casi) La lettera c) dell’art. 5 disciplina l’attività di somministrazione di alimenti e di bevande che viene effettuata congiuntamente ad attività di trattenimento e svago, in sale da ballo, sale da gioco, locali notturni, stabilimenti balneari ed esercizi similari.

L’assenza del pagamento di un biglietto di ingresso e il fatto che il locale non sia stato trasformato in una sala di intrattenimento, fanno venire meno il requisito dell’imprenditorialità (e quindi propendere per l’occasionalità) dell’attività di intrattenimento musicale, che in caso contrario, sarebbe assoggettata al regime degli artt. 68 e 80 del T.U.L.P.S.

L’art 180 del Regolamento di esecuzione del T.U.L.P.S. recita: “ I pubblici esercenti debbono tenere esposte nel locale dell'esercizio, in luogo visibile al pubblico, la licenza e l'autorizzazione e la tariffa dei prezzi.”

L’art 8 della legge 287/91 obbliga gli esercenti di comunicare preventivamente al comune l'orario adottato e di renderlo noto al pubblico con l'esposizione di apposito cartello, ben visibile.


ILLECITO N.1


Violazione dell’art.180, comma 1, del regio decreto 6 maggio 1940 n.635, reg. d’es. del T.U.L.P.S. perché quale titolare di autorizzazione per la somministrazione di alimenti e/o bevande non teneva esposta nel locale, in luogo visibile al pubblico, la tariffa dei prezzi.

SANZIONE PECUNIARIA:

da € 154,00 a € 1032,00 - prevista dall’art.221-bis, comma 2, del regio decreto 18 giugno 1931, n.773, T.u.l.p.s. - P.M.R. € 308,00

SANZIONE ACCESSORIA (art.17-quater t.u.l.p.s.):

WWW.CONCORSIPOLIZIAMUNICIPALE.IT

 eventuale sospensione dell’attività per un periodo non superiore a tre mesi - prevista dall’art. 17-quater, del regio decreto 18 giugno 1931, n.773, T.u.l.p.s.


Atti da redigere

● verbale di ispezione di esercizio pubblico

● verbale di accertata violazione amministrativa (art.17-bis tulps)

● rapporto autorità amministrativa competente (art.17-ter tulps)

● ordinanza di sospensione dell’attività di somministrazione


ILLECITO N.2


Violazione dell’art.8, comma 3, della legge 25 agosto 1991, n.287 perché quale titolare di autorizzazione per la somministrazione di alimenti e/o bevande ometteva di rendere noto al pubblico l’orario adottato con l’esposizione di apposito cartello.

SANZIONE PECUNIARIA:

da € 154 a € 1032 - prevista dall’art.10, comma 2, della legge 25 agosto 1991, n.287

P.M.R. € 308

SANZIONE ACCESSORIA (art.17-quater t.u.l.p.s.):

eventuale sospensione dell’attività per un periodo non superiore a tre mesi - prevista dall’art.10, comma 3, della legge 25 agosto 1991, n.287 e dall’art. 17-quater, del regio decreto 18 giugno 1931, n.773, T.u.l.p.s.


Atti da redigere:

● verbale di ispezione di esercizio pubblico

● verbale di accertata violazione amministrativa (l.n.287/91)

● rapporto autorità amministrativa competente (art.17-ter tulps)

● ordinanza di sospensione dell’attività di somministrazione


Commenti

Post popolari in questo blog

Polizia locale: te la dò io la riforma - L'intervento (testo integrale) del Vicedirettore generale della Pubblica Sicurezza

L’audizione del 4 marzo 2021: ​Audizioni sulle politiche integrate per la sicurezza e di polizia locale. La Commissione Affari costituzionali, nell’ambito dell’esame delle proposte di legge recanti disposizioni per il coordinamento in materia di politiche integrate per la sicurezza e di polizia locale, ha svolto l’audizione, in videoconferenza, della prefetta Maria Teresa Sempreviva, Vicedirettore generale della Pubblica Sicurezza preposta all'attività di coordinamento e pianificazione delle Forze di Polizia in rappresentanza del Dipartimento della pubblica sicurezza del Ministero dell’interno. Testo integrale Da tempo infatti la legge 7 marzo dell'86 numero 65 recante legge quadro sull'ordinamento della Polizia Municipale è interessata da proposte di riforma tese a rivedere in modo organico le competenze, le funzioni, i ruoli e le qualifiche del personale della polizia locale nonché il trattamento economico e previdenziale relativo allo stato giuridico. Ciò posto, nell'

500 Agenti Polizia Locale Roma Capitale: riapertura dei termini del bando di concorso

Sono stati riaperti i termini del bando di concorso per 500 posti di Agente di Polizia Locale di Roma Capitale . La domanda di ammissione al concorso deve essere presentata esclusivamente per via telematica, attraverso il Sistema pubblico di identità digitale (SPID), compilando l’apposito modulo elettronico sul sistema “Step-One 2019”, raggiungibile sulla rete internet all’indirizzo “https//ripam.cloud”, previa registrazione del candidato sullo stesso sistema. Per la partecipazione al concorso il candidato deve essere in possesso di un indirizzo di posta elettronica certificata (PEC) a lui intestato. La registrazione, la compilazione e l’invio on line della domanda devono essere completati entro il trentesimo giorno, decorrente dal giorno successivo a quello di pubblicazione del presente avviso nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana, IV Serie Speciale “Concorsi ed Esami”. Saranno accettate esclusivamente le domande inviate entro e non oltre le ore 18,00 del 24 maggio 2021 ,

Concorsi pubblici: si cambia tutto. Le nuove regole del D.L. 44/2021

Il popolo dei concorsisti italiani si è già diviso leggendo le nuove disposizioni in materia di concorsi pubblici. Le disposizioni si applicano anche ai concorsi di polizia locale. Parliamo del D.L. 1 aprile 2021 n. 44  - Misure urgenti per il contenimento dell'epidemia da COVID-19, in materia di vaccinazioni anti SARS-CoV-2, di giustizia e di concorsi pubblici - pubblicato in Gazzetta Ufficiale ed entrato in vigore oggi. Il decreto contiene importanti novità per quanto riguarda l’organizzazione e lo svolgimento dei concorsi pubblici. L’art. 10 titolato “Misure per lo svolgimento delle procedure per i concorsi pubblici”, punta a ridurre i tempi di reclutamento del personale delle amministrazioni pubbliche (amministrazioni dello Stato ad ordinamento autonomo, Regioni, Province, Comuni) introducendo procedure semplificate di svolgimento delle prove .  Per il personale non dirigenziale le prove concorsuali consisteranno in una prova scritta e una prova orale. Viene previsto, da parte